Rallentare.

Dopo la brusca frenata, del decreto #iorestoacasa di qualche giorno fa, è come se stessimo scalando di marcia dalle nostre abitudini quotidiane.

Stiamo tutti rallentando.

Il lavoro, la spesa, lo sport, le relazioni. Tutto, tutto quello che può essere rallentato si sta lentamente avvicinando ad un incrocio. Quello che fino a poco tempo fa fluiva, senza che quasi ci rendessimo conto, ora è come di – la – ta – to. E’ come se ogni momento, seppur veloce, ci desse la possibilità di essere guardato dentro. E’ come se avessimo, come mai prima d’ora il vantaggio di osservare le nostre vite da dentro la nostra nuova vita.

Ed era tutto rapido e rapito.

Quanta velocità la mattina nel vestirci, caffè al volo, via in ufficio, contatti con i clienti, colleghi, fornitori, fai il bonifico, senti mamma, arrivato messaggio sul cellulare, rispondi, chiamata, spesa, ah le medicine, porta l’auto, rinnovo patente, fai il pieno, pranzo, allenamento, dove vado in vacanza, le visite, l’aperitivo, il trucco, le unghie da fare, e tanto altro.

Vero? Tutto scorreva, i giorni scorrevano, la vita scorreva e noi dentro di essa.

Questo signorotto ora ci da un’enorme opportunità.

Rallentare. Rivedere. Riconsiderare. 3R.

Ci sta dando il Tempo di osservare questa bolla che è tra le nostre mani: la nostra vita pre Coronavirus. Ci sta dando l’opportunità di chiederci: ci stava bene cosi? Davvero quella normalità che fluiva calzava? Davvero quella normalità la rivoglio una volta che saremmo vicini al picco di questo contagio?

E come se invece che guardare il sole all’alba o al tramonto, vedessimo in slow-motion noi stessi.

Questo è il tempo delle 3R. Questo è il tempo di stare, a volte a non fare, ma è una straordinaria opportunità di capire chi siamo, cosa vogliamo davvero e soprattutto chiederci se siamo realmente felici.

Spesso la velocità del giorno e della notte, ci hanno fatto dimenticare, la domanda fondamentale che dovremmo farci e che ti faccio.

Sei felice?

Ogni uomo è nato per essere felice. E non ogni signorotto virus ci permette di rifletterci. Fatevela questa domanda. Quando tutto ripartirà, e vi assicuro che sarà cosi, saprete già cosa fare e dove andare. E chi abbracciare.

Siamo tutti all’incrocio, in folle. Facciamoci trovare pronti a ripartire.

#iorestoacasa